Max Janot’s World

12 agosto 2008

D’Aniello d’argento

Filed under: Pechino 2008 — maxjanot @ 8:51 am
Tags: ,

La mattinata italiana si apre con la splendida medaglia d’argento del laziale Francesco D’Aniello nel double trap.

Splendida affermazione del cecchino azzurro che in finale si è dovuto arrendere all’americano Eller, davvero infallibile, ma è riuscito a contenere la rimonta del cinese Hu, medaglia di bronzo.

Piange Francesco durante la premiazione, questo argento è il coronamento di una carriera, iniziata tardi, ma che ha portato subito grandi risultati. “ E” una grandissima emozione, innumerevole – ha detto l’azzurro – Il pensiero va a mio figlio ed il secondo a mia mamma che non c’è più. Da lassù mi ha guardato. Quando ho visto che avevo l’argento in tasca, stavo già piangendo all’ultima coppiola. Tutti i miei amici sanno quello che ho passato, è stato uno scarico per i tanti sacrifici fatti“.
Il tiratore laziale ad inizio carriera, faceva fatica a portare in pista i risultati degli allenamenti, ora è cambiato tutto: “E’ uno sport basato soprattutto sull’aspetto psicologico, ero forte tecnicamente ma il mio grande handicap era quello di non concludere bene quello che facevo in allenamento. Per fare ciò ho lavorato tantissimo con un grande psicologico sportivo, il dottor Alberto Cei, a cui devo moltissimo e mi ha aiutato a dominare l’emozione”.

11 agosto 2008

Vezzali storico tris

Filed under: Pechino 2008 — maxjanot @ 2:25 pm
Tags: ,

Era la medaglia che tutti aspettavamo, il fioretto femminile ci ha sempre dato enormi soddisfazioni e così è stato. Valentina Vezzali ha vinto per la terza volta consecutiva l’oro olimpico.

Sfumata l’opportunità della finale tutta azzurra, la sfida con la coreana Hyunhee è stata emozionante fino all’ultimo secondo. L’azzurra partiva in quarta e si portava subito in vantaggio per 3 stoccate a zero. La coreana, però, riusciva ad imporre la sua scherma fatta di attacchi veloci ed improvvisi e riportava la sfida in parità. Sul 4-4 e con quaranta secondi alla fine, la coreana si portava per la prima volta in vantaggio. La Vezzali, però, non perde la calma e pareggia il conto a 29″ dalla fine. Quando cominciava a prospettarsi una parità che avrebbe portato al minuto supplementare ecco che la jesina piazza la stoccata decisiva a 4 secondi dal termine dell’incontro vincendo il terzo oro consecutivo, quarta medaglia individuale in quattro olimpiadi. E’ lei la regina della scherma mondiale.

Non mi sembra ancora vero”. Valentina Vezzali non nasconde l’emozione ai microfoni Rai dopo la vittoria nella finale di fioretto alle Olimpiadi 2008: “Vincere una volta è difficile, ma doversi confermare ogni volta è una pressione enorme, era tutto così vicino e così lontano”. L’azzurra non vuole dimenticare nessuno nei ringraziamenti: “Faccio scherma per passione, amo questo sport che mi ha dato tantissimo – ha detto l’atleta marchigiana – sono qui grazie ad anni di sacrifici, alla mia famiglia, a tutto lo staff tecnico, sul podio con me ci sono tante persone”. La gara è stata decisa proprio nel finale: “In quei momenti non ho pensato a nulla, so solo che mio marito e mio figlio Pietro erano con me. Questa vittoria è per lui”. Il pensiero va anche a chi non c’è più: “Mi piace pensare che mio padre e il mio vecchio maestro Ezio Triccoli mi stiano guardando dal Cielo, è grazie a loro se oggi sono qui”.

(more…)

Oro nel judo

Filed under: Pechino 2008 — maxjanot @ 1:16 pm
Tags: ,

Storica impresa nel judo femminile, con Giulia Quintavalle che vince l’oro nella categoria 57 Kg. Splendida impresa della livornese che supera in finale l’olandese Gravenstijn per 11-1.

Il cammino dell’azzurra è stato esaltante sin dalle prime gare. All’esordio ha battuto la campionessa olimpica in carica la tedesca Yvonne Boenisch e da lì ha effettuato un cammino trionfale che l’ha portata a vincere la medaglia d’oro in una finale senza storia che ha controllato sin dall’inizio, mettendo a segno un koka e poi uno yuko che gli valgono un vantaggio di 11-0. Nel finale riesce a difendersi dall’assalto dell’olandese, che riesce a mettere a segno un koka, ma senza impensierire la vittoria della nostra portacolori.

Ancora un volta sono gli sport minori che ci portano le maggiori soddisfazioni, con medaglie davvero insperate alla vigilia. Adesso tutti gli occhi sono puntati sul fioretto femminile, con la nostra Vezzali in finale con la coreana Nam. Finale per il bronzo tutta azzurra, tra la Trillini e la Granbassi.

Arcieri d’argento

Filed under: Pechino 2008 — maxjanot @ 11:01 am
Tags: ,

Galiazzo Splendido argento che è arrivato dal tiro con l’arco. I nostri arcieri, Galiazzo, Di Buò e Nespoli hanno combattuto fino all’ultimo con gli inarrivabili coreani, tre volte consecutive campioni olimpici a squadre.

Finale tiratissima, con i coreani che scappano subito avanti con 117 punti (su 120) contro i 112 dell’Italia. Nel penultimo end, l’Italia torna sotto con una prestazione meravigliosa, soprattutto dell’esordiente Nespoli, e tornano in parità prima dell’ultima serie di frecce. Lì, purtroppo, l’inesperienza di Nespoli si fa sentire e all’ultimo tiro fa un 7, che “regala” l’oro ai coreani.

Ad ogni modo, non si può parlare di amarezza e di delusione. Per i coreani il tiro con l’arco è una specie di religione, basti pensare che da Seul ’88 (da quando cioè è stata introdotta la disciplina) hanno vinto tutte le gare a squadre femminili e 5 volte su 7 quella maschile.

Onore ai nostri ragazzi che ci hanno fatto ancora una volta sognare!!!

10 agosto 2008

Oro a Tagliariol

Filed under: Pechino 2008 — maxjanot @ 2:42 pm
Tags: ,

E’ arrivato finalmente il primo oro italiano a queste Olimpiadi. Il merito è del venticinquenne Matteo Tagliariol, che nella Spada Individuale ha sbaragliato la concorrenza, battendo in finale il francese Jeannet per 15-9. Bronzo allo spagnolo Abajo.

Erano 48 anni che l’Italia non vinceva un oro individuale nella spada, arma che a squadre, invece, abbiamo dominato per molti anni, con gli ori di Sidney ed Atlanta, ma la grandissima delusione della non qualificazione ad Atene. Da lì si è partiti per un profondo rinnovamento del settore che ha portato ad una grandissima stagione degli spadisti, culminata con questo splendido oro olimpico, attesissimo e preannunciato da molti addetti ai lavori.

La finale non ha avuto storia, con Tagliariol che ha preso il largo dopo un inizio a favore del francese, ed una volta portatosi sull’8-3 ha potuto controllare l’avversario e chiudere con una splendida stoccata che sorprende l’avversario.

“Oggi avevo un oroscopo positivo – dice alla fine Tagliariol – non so che cosa si prova. Non ho sentito niente: andavo e basta. Ho capito che cosa non mi riuscivia e poi ho trovato il coraggio. Poi sono andato come un treno. Ringrazio il mio maestro Ettore Geslao, cui dedico la vittoria, il mio tecnico Angelo Mazzoni e la mia fidanzata Annalisa”.

Tatiana Guderzo di Bronzo

Filed under: Pechino 2008 — maxjanot @ 10:42 am
Tags: ,

Splendido bronzo che arriva ancora una volta dal ciclismo, nella prova di linea femminile, per merito della 24enne Tatiana Guderzo.

E’ stata lei la protagonista della corsa, attaccando a 15 km dall’arrivo sull’ultima salita ed andando in fuga. E’ stata raggiunta a pochi km dalla fine da altre 4 atlete che hanno guadagnato circa 15″ sul resto del gruppo e sulla favoritissima Marianne Vos. In volata non era sicuramente tra le favorite, ma è riuscita a prendere la ruota giusta, quella dell’inglese Nicole Cookke che ha vinto l’oro davanti alla svedese Emma Johansson.

L’italiana non nasconde tutta la sua soddisfazione: “Quest’anno è stato molto difficile all’inizio, con pochissimi risultati, per non dire nessuno. Ma grazie alla vicinanza della mia famiglia e della mia squadra sono riuscita a reagire e a ritrovare grinta e determinazione. Alla fine il lavoro ha ripagato alla grande”. Il successo lancia la Guderzo tra le big internazionali, con un occhio ai prossimi Mondiali: “Il morale è molto alto – spiega la Guderzo – ma devo ancora capire cosa ho fatto oggi. Per ora mi godrò il momento e farò festa, poi con calma tra un mese e mezzo penserò al Mondiale”

Argento a Pellielo

Filed under: Pechino 2008 — maxjanot @ 9:11 am
Tags: , ,

Seconda medaglia per la spedizione azzurra, grazie ad uno degli sport di cui ci si ricorda solo in queste occasioni, il tiro al volo.

L’azzurro Pellielo ha bissato l’argento di Atene nella specialità trap. L’oro è andato al croato Kostelecky, che ha fatto una prestazione incredibile in finale con 25/25 in condizioni ambientali davvero difficili, vista la pioggia, il vento ed i problemi di visibilità. Il bronzo è andato al russo Alipov. L’altro azzurro, Frasca, dopo essere stato per molto tempo in lotta per una medaglia, è crollato nel finale con numerosi errori ed è finito sesto.

Grande soddisfazione per Giovanni Pellielo, alla terza medaglia olimpica consecutiva. “Questa è la piu` sofferta – ha detto l’argento del trap – per il nuovo regolamento e per il tempo difficile, anche se questo mi ha dato più carica“. Era stata una stagione molto difficile per il vercellese fino ad ora: “Era un anno e mezzo che non salivo sul podio, ma avevo la consapevolezza che avrei fatto la finale giusta ed è arrivato il risultato“.
E’ stata una prova durissima, per il diluvio che si è scatenato durante la finale: “In queste condizioni difficili può capitare di perdere. E’ arrivato un argento in una gara in cui avevo tutto contro e noi abbiamo dimostrato la nostra italianità”.

Per l’azzurro questa è la quinta Olimpiade, ma Pellielo ha ancora voglia di andare avanti: “Si fatica ad essere in pista dal 1992, ma penso non sia finita qui. Io andrò avanti, se sarò in condizioni di fare le gare, lo farò, altrimenti aiuterò la squadra in un altro modo”. Una medaglia arrivata anche con l’aiuto di Dio: “Volevo fare pubblicità al Signore in questo Paese – ha concluso l’atleta piemontese, molto religioso – e ci sono riuscito con i fatti. Tutto il mondo sapeva della mia fede”.

Argento a Rebellin

Filed under: Pechino 2008 — maxjanot @ 9:01 am
Tags: , ,

E’ arrivata la prima medaglia azzurra, l’argento di Davide Rebellin nella prova di ciclismo su strada.

Le aspettative azzurre per questa gara erano altissime, ce la giocavamo con la Spagna con eguali chances di vittoria. I due protagonisti attesi erano Bettini e Valverde e tutta la squadra italiana ha messo il cuore per cercare di chiudere la fuga che si era creata nei primi chilometri di circa 25 atleti. Generossissimo Nibali che ha tirato per almeno mezz’ora riuscendo a riprendere i fuggitivi. Poi è cominciata la marcatura a uomo degli atleti azzurri su quelli spagnoli. Bettini marcava Valverde e Rebellin era su Sanchez.

Al penultimo giro l’attacco decisivo di Andy Schleck seguito da Rebellin e dal russo Kolovnev a cui si aggiungono anche Sanchez ed Evans. A 12 km dall’arrivo Schleck attacca di nuovo e lo seguono solo Rebellin e Sanchez, guadagnando una decina di secondi sugli ex compagni di fuga ed una trentina di secondi sul gruppo. Quando mancano 5,6 chilometri esce dal gruppo Fabian Cancellara che, come una locomotiva, recupera lo strappo di 30 secondi e raggiunge i 3 fuggitivi portandosi dietro anche Kolovnev ed Evans. La volata che inizialmente sembrava a 3, diventa a 6. Rebellin è uno dei favoriti, ed ha anche un’ottima posizione nella volata lanciata dal russo. Lo spunto è però dello spagnolo che brucia l’italiano per mezza ruota, andando a vincere la medaglia d’oro. Argento per Rebellin e bronzo per Cancellara, che ha meritato la medaglia con un’azione impressionante negli ultimi chilometri.

Delusione nel clan azzurro che si aspettava evidentemente l’oro, vista la situazione che si era venuta a creare. Ma è l’anno della Spagna, che sembra batterci in ogni sport ed in ogni luogo. Peccato per la grossa opportunità persa, ma facciamo comunque gli auguri a Davide Rebellin che ha festeggiato anche il suo 37esmio compleanno!!!

Olimpiadi – cerimonia di apertura

Filed under: Pechino 2008 — maxjanot @ 8:45 am
Tags: ,

Sono cominciate le olimpiadi più contestate della storia. Da mesi si parla di boicottare o meno la cerimonia da parte degli atleti, ma per fortuna alla fine si è compreso che lo sport non può (e non deve) fare politica. Quello tocca a chi è pagato (profumatamente) per farlo.

La cerimonia di apertura è stata molto emozionante, splendido soprattutto il countdown iniziale e la parte finale in cui l’ultimo tedoforo correva sospeso a mezz’aria tutt’intorno allo stadio, mentre sul maxischermo creato sull’ultimo anello si aprivano le immagini dei 22.000 tedofori che lo hanno preceduto.

Le speranze azzurre sono, come al solito, legate ai cosiddetti sport minori, di cui i media si ricordano ogni quattro anni. La rivista Sports Illustrated prevede 28 medaglie per noi (con la solita scherma a farla da padrone) quindi leggermente al di sotto delle 32 vinte ad Atene. Speriamo bene e facciamo tutti il tifo per i nostri ragazzi.

Go Italia!!!

24 luglio 2008

iPod Touch

Filed under: informatica — maxjanot @ 10:40 am
Tags:

Vi scrivo il mio primo post utilizzando il plugin WordPress per il mio nuovo iPod Touch.
Devo ammettere che il “giocattolino” e’ molto interessante e c’è soprattutto la possibilità di sbloccarlo per installarci su le applicazioni free sviluppate dalla community.

Stay tuned.

EDIT: Scoperto il primo problema, le accentate non vengono correttamente visualizzate.

« Pagina precedentePagina successiva »

Blog su WordPress.com.